Cosa Si Intende Per Pelle "Crust" o Semi-Terminata?

Pubblicato : 21/12/2016 21:37:37
Categorie : Guida all'acquisto della pelle e del cuoio online Rss feed

Pelle "Crust" o Semi-Terminata: questa sconosciuta

La pelle bovina semi-terminata o in crust è la più comune sul mercato, sia perché le pelli bovine sono le più usate sia perché sono quelle che arrivano allo spessore maggiore. La pelle in crust rappresenta lo stadio intermedio, prima di quello finale, in cui vengono mantenute e conservate le pelli prima della rifinizione e personalizzazione finale per il cliente. In generale, una delle classificazioni qualitative delle pelli finite è fra pieno fiore e crosta. Come si definiscono questi due elementi e come si ottengono? Durante la lavorazione delle pelli, molto spesso, ci si incontra con la necessità di ridurne drasticamente lo spessore. Questo si fa tramite la Spaccatura. La parte superiore, la pelle, è appunto il pieno fiore mentre la parte inferiore, o carne, è la crosta. La spaccatura può essere effettuata su pelli grezze, su pelli semi-conciate (wet-blue o wet-white) oppure su pelli finite. Quando lo spessore della pelle originale è abbastanza maggiore rispetto a quello che si necessita al finale, è preferibile spaccare durante la fase di semi-conciatura così da poter conciare e rifinire le croste come si desidera. I tipi di pellame da cui si originano le croste sono le bovine, le più comuni, le suine e le ovocaprine. Il crust non deve essere confuso con la crosta, il primo è solo lo stadio di lavorazione, mentre la seconda rappresenta la spaccatura inferiore della pelle.

pelle in crust semi-terminata

Il Crust Bovino

La pelle bovina semi-terminata (crust) è la più comune sul mercato, sia perché le pelli bovine sono le più usate sia perché sono quelle con lo spessore maggiore. Che si può fare con il crust? Come già detto si preferisce tenerle così perché rappresentano il modo migliore di commercializzarle prima della rifinizione finale, esse provengono da stadi a monte di conciatura che sono solitamente al cromo, seguita dalla mista cromo/vegetale e infine da quella pieno vegetale. Incominciando dalle croste di qualità inferiore, si utilizzano come ripieno o per realizzare effetti di bombatura (delle cinture per esempio), appena sopra si trovano i pellami per fodere e infine quelli più pregiati, solitamente fiore per oggetti di pelletteria.

Applicazioni

Con una pelle in crust bovina di buona qualità si può realizzare praticamente di tutto. Si possono lasciare in questo stato oppure rifinire a mano, con oli tinture o agenti chimici specifici. Con il crust si possono realizzare cinture e cinturoni, con rifiniture in poliuretano oppure con il più classico effetto anilina o tamponato. Con le croste di bovini adulti, si realizzano invece pellami adatti alla produzione di calzature o articoli di pelletteria. I vari tipi di rifiniture, ingrassate, scamosciate, schiarenti, stampate, lisce o laminate sono la dimostrazione della versatilità del pellame semi-terminato bovino, un materiale adatto a tutte le lavorazioni ed assolutamente alla moda.

Condividi questo contenuto