Le ragioni per scegliere la pelle scamosciata a concia vegetale per le calzature

Pubblicato 01/01/2017 22:09:46
Categorie Ultime Notizie Rss feed

Che cos'è la concia vegetale?

La concia vegetale è, con molta probabilità, la tipologia di concia più antica al mondo, utilizzata fin da tempi remoti presso numerose antiche popolazioni. Tale primato è dovuto sicuramente al fatto che questa concia può essere realizzata con prodotti vegetali molto comuni e, pertanto, facilmente reperibili in natura. Infatti, gli unici materiali necessari per eseguire la concia vegetale sono i tannini estratti da alberi e piante. I tannini impiegati potevano essere diversi e dipendevano dalla vegetazione locale presente. A seconda del tempo impiegato per ottenere il risultato finale, la concia vegetale può essere di tre tipi: lenta in fossa, rapida in fossa e rapida in botte.

pelle scamosciata a concia vegetaleI vantaggi della pelle scamosciata a concia vegetale

La pelle scamosciata è realizzata con lo strato inferiore del pellame dell'animale, che, in seguito ad una smerigliatura superficiale, assume un aspetto molto morbido e vellutato. I vantaggi della pelle scamosciata a concia vegetale sono molteplici. Per prima cosa si tratta di una tipologia di concia che, a differenza di quelle chimiche, ha un modestissimo impatto ambientale. Inoltre, non essendo state usate sostanze dannose come il cromo, chi indossa pelle trattata in questo modo è meno soggetto ad allergie. La pelle, inoltre, diventa estremamente traspirante e, quindi, non sviluppa cattivi odori.

Applicazioni e utilizzi


La pelle scamosciata trattata con questa tipologia di concia viene utilizzata esclusivamente per la produzione di calzature, in quanto viene usata solo per la produzione di cuoio da suola. Viene quindi usata abbondantemente per la produzione di scarpe anallergiche, completamente artigianali e soprattutto ecologiche. La pelle scamosciata ha un notevole impatto estetico e viene utilizzata per calzature di grande qualità e pregio. Un'ottima idea per coccolare i propri piedi.

Condividi questo contenuto